Perché fare la visita oculistica ai bambini?

Un difetto visivo non conosciuto, un’alterazione della motilità oculare o la presenza di alterazioni acquisite o congenite di strutture oculari, tenendo conto della difficoltà di comunicazione dei bambini e la non percezione di un problema, può comportare lo sviluppo di un’ambliopia (occhio pigro), può produrre effetti secondari come deficit dell’attenzione, cefalea, stanchezza visiva, difficoltà nella concentrazione.

Un’altra tematica fondamentale riguarda i disturbi dell’apprendimento, che interessa un’elevata percentuale di bambini a partire dagli 8 anni, spesso interpretati come mancanza di collaborazione e voglia di fare del bambino.